Assemblea sindaci per fare il punto su digitale e connessioni nel territorio provinciale

Immagine dell'assemblea dei sindaci riuniti in videoconferenza

 

Prepararsi in tempo per salire sul treno dei prossimi finanziamenti in arrivo sui temi dell’innovazione digitale e del rafforzamento delle connessioni nel territorio.

Questo è stato il motivo dell’assemblea dei sindaci convocata in videoconferenza dal vicepresidente della Provincia, Nicola Minarelli, in accordo con l’assessore ai Servizi informativi del Comune di Ferrara, Micol Guerrini.

È ancora prematuro parlare di date e di quante risorse arriveranno sul territorio, ma i Comuni vogliono giocare d’anticipo per elaborare e concordare progetti da candidare ai vari bandi che sono attesi sulle linee di finanziamento del Recovery Fund, dei fondi della programmazione Ue per i prossimi sette anni, di quelli nazionali e regionali.

In particolare, si è discusso del digital divide, percepito dai primi cittadini dei 21 Comuni del Ferrarese come un problema cui dare risposta, e della necessità di fare il punto sullo stato dell’arte per capire difficoltà e passi da compiere nelle singole realtà territoriali.

Lo scopo è quello di costruire un progetto comune e interconnesso, perché la provincia estense sia complessivamente al passo con una delle sfide cruciali del Next Generation Eu, ossia l’infrastrutturazione digitale delle pubbliche amministrazioni e delle comunità.

“È un primo appuntamento interlocutorio – ha detto Nicola Minarelli introducendo l’incontro – al quale ne seguiranno altri, mano a mano che i finanziamenti e le relative modalità di candidare progetti si tradurranno in concrete opportunità da cogliere e in questo la Provincia si mette a disposizione per essere lo spazio istituzionale nel quale mettere a punto una strategia condivisa e comune tra tutti i territori”.

Una proposta che ha incontrato il consenso unanime dei sindaci, con alcune sottolineature che vanno dalla richiesta di velocizzare le autorizzazioni degli scavi per la posa della fibra, alla necessità di tenere insieme il territorio tra centro e periferia.

L’incontro si è concluso con il compito di svolgere una ricognizione tra tutti i Comuni sulla situazione della connettività di edifici pubblici, aree produttive e famiglie, da compiersi entro aprile.