Provincia di Ferrara

Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:


Provincia di Ferrara: Informazioni utili per i manutentori di impianti termici e cittadini
Informazioni utili sulla manutenzione degli impianti termici e il bollino calore pulito. ORARI RICEVIMENTO PUBBLICO U.O.S. Energia LUNEDI, MERCOLEDI e GIOVEDI DALLE ORE 9.00 ALLE 13.00 MARTEDI DALLE 14,30 ALLE 16,30 Tel. 0532.299922
Modelli regionali del libretto di impianto e modelli di rapporto di controllo di efficienza. 

Il testo seguente è stato redatto in accordo tra gli Uffici Energia del Comune di Ferrara e della Provincia di Ferrara.

Si comunica che dalla data del 20 ottobre 2014 non sono più utilizzabili i modelli di rapporto di controllo di efficienza energetica di cui agli allegati 10 e 11 della Delibera di Assemblea legislativa 156/2008.

A seguito dell'emanazione del DM del 10/02/2014 che prevede a partire dal 15 ottobre 2014 l'adozione dei nuovi modelli di Libretto di impianto e dei Rapporti di controllo di efficienza energetica, la Regione Emilia-Romagna con la con Delibera di Giunta regionale n. 1578 del 13 ottobre 2014 ha approvato i nuovi formati regionali di riferimento per il libretto di impianto ed i rapporti di controllo di efficienza energetica, che sostituiscono quelli riportati negli Allegati 10 e 11 della citata Dal 156/08.

Il modello regionale di libretto di impianto (Allegato 1 della Delibera di Giunta regionale n. 1578/2014). Il modello è reso disponibile per il download in formato .pdf editabile: raccomandiamo l’utilizzo di tale modello e la sua compilazione elettronica, che consentirà, in una seconda fase, la sua registrazione automatica nel catasto degli impianti termici in via di predisposizione.

Il modello nazionale di libretto di impianto di cui al DM del 10/02/2014, corredato dalla scheda integrativa riportante i dati aggiuntivi richiesti dalla Regione Emilia-Romagna
Disponibili inoltre le nuove versioni dei modelli di rapporto di controllo di efficienza energetica.

Dal punto di vista operativo per quanto riguarda la procedura Bollino Calore Pulito in essere (bollini, periodicità di verifica, consegna cartaceo dei rapporti di controllo tecnico – riguardante gli impianti termici, modalità di acquisto, ecc.) nulla cambia e restano le modalità previste dalla DAL n. 156/08 punto 8, cambiano solo i modelli da utilizzare RCEE1 e i nuovi libretti d’impianto da compilare.

La compilazione del nuovo libretto è a carico del manutentore dell’impianto, mentre per i nuovi sarà a carico dell’installatore.
Il libretto dovrà essere inviato esclusivamente per via telematica al sito della regione sulla piattaforma informatica della certificazione energetica SACE, previo accreditamento sullo stesso sito. Una copia cartacea dovrà essere rilasciata al responsabile d’impianto.

Fino a quando non sarà predisposto il nuovo regolamento regionale, sarà ammessa la predisposizione del libretto cartaceo, che però dovrà comunque essere trasmessa al catasto regionale dal compilatore appena sarà disponibile la piattaforma web.

Ulteriori informazioni disponibili sul catasto regionale impianti termici - Criter 
http://energia.regione.emilia-romagna.it/servizi-on-line/criter
  
------------------------------------------------------------------------------
Acquisto bollini CALORE PULITO 2015-2016:
Effettuare, prima di recarsi presso l’Ufficio Energia, un versamento di 5 € per ogni bollino che si intende ritirare (esempio: per poter ritirare 20 bollini dovrà essere effettuato un versamento di 100 €), sul conto corrente postale: n. 11437449 intestato a Provincia di Ferrara – U.O.S. Energia – Servizio Tesoreria. Causale: Acquisto Bollino Calore Pulito.
Analoga procedura potrà essere effettuata effettuando il versamento intestato a Provincia di Ferrara – U.O.S. Energia – Servizio Tesoreria. Causale: Acquisto Bollino Calore Pulito,  a mezzo Bonifico Bancario utilizzando il Codice IBAN IT67Z0615513015000003204155.
La Provincia di Ferrara non ha attiva alcuna modalità che preveda la spedizione a domicilio (dei manutentori o dei cittadini) dei Bollini Calore Pulito, tuttavia per le imprese di manutenzione che si trovano ad operare nei Comuni nella Provincia di Ferrara la cui sede sia al di fuori della Provincia di Ferrara, potrà essere effettuata la spedizione a domicilio dei bollini tramite corriere a totale carico del manutentore. Tale procedura prevede il previo contatto telefonico con l’ufficio.
------------------------------------------------------------------------------
I BOLLINI CALORE PULITO PER IL BIENNIO 2015-2016
Di seguito vi ricordiamo le procedure operative in essere.
Procedure operative per il nuovo Biennio Termico 2015-2016 per i manutentori/installatori che operano nei comuni della Provincia di Ferrara  - Argenta, Berra, Bondeno, Cento, Codigoro, Comacchio, Copparo, Formignana, Goro, Jolanda di Savoia, Fiscaglia (Massa Fiscaglia, Migliarino, Migliaro)  Lagosanto, Masi Torello, Mesola, Mirabello, Ostellato, Poggio Renatico, Portomaggiore, Ro Ferrarese, Sant'Agostino, Tresigallo, Vigarano Mainarda, Voghiera.
Il 31/12/2014 si è concluso il Biennio 2013-2014. I rapporti di controllo tecnico relativi il biennio Biennio 2013-2014 dovranno essere consegnati dai manutentori all’U.O.S. Energia della Provincia di Ferrara entro il 30/04/2015.
Dal 01/01/2015, ha avuto inizio il nuovo Biennio 2015-2016 il cui termine è fissato al 31/12/2016.
Per il nuovo biennio sarà utilizzata la stessa procedura operativa del precedente biennio termico.
Qualora abbiate rimanenze di bollini relativi al Biennio 2013-2014 vi potranno essere sostituiti con i nuovi bollini (Biennio 2015-2016).
Tali bollini vi saranno sostituiti sino al 30/4/2015, dopo tale data non verranno più effettuate sostituzioni.
E' fatto divieto assoluto di utilizzare il bollino del biennio 2013-2014 in vece del nuovo bollino valido per il biennio 2015-2016 (l'utilizzo di bollini del vecchio biennio in vece del nuovo biennio verrà considerata come non applicazione del bollino e di conseguenza il responsabile dell'impianto potrà essere verificato dai nostri uffici con conseguente esborso dei costi di verifica).
In un solo caso sarà possibile usare il Bollino Calore Pulito del Biennio 2013-2014 ovvero per gli impianti termici per i quali al 31/12/2014 non sia ancora stato effettuato il controllo di efficienza energetica relativo al Biennio 2013-2014.

Potranno essere effettuati controlli di efficienza energetica relativi al Biennio 2013-2014 entro e non oltre il 28/02/2015. Ovvero qualora nel Biennio 2013-2014 non sia avvenuto il controllo di efficienza energetica di un impianto termico esso potrà essere fatto entro il 28/02/2015 (apponendo il Bollino 2013-2014 nel Rapporto di controllo di efficienza energetica – Tipo 1 - dovrà essere riportata la data in cui è stato effettuato il controllo avendo l’accortezza di indicare nelle osservazioni che tale controllo è riferibile al Biennio 2013-2014).
Ricordiamo che gli impianti termici per i quali vengono effettuati controlli di efficienza energetica nei mesi di Gennaio e Febbraio 2015, riferendosi al biennio 2013-2014, dovranno essere sottoposti a nuovo controllo anche per il biennio 2015-2016 – entro il 31/12/2016 (ovvero il controllo di efficienza fatto in gennaio e febbraio 2015 non sostituisce il controllo che andrebbe fatto nel Biennio 2015-2016).

------------------------------------------------------------------------------
INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE
La gestione dell’impianto termico in termini di predisposizioni di manutenzioni periodiche deve essere a carico dal responsabile dell’impianto ovvero del proprietario, dell’occupante l’appartamento o dell’amministratore nel caso di un condominio, e deve essere affidata a un manutentore o a un impresa in possesso dei requisiti del D.M. 37/2008 (ex L. 46/90).
I controlli da effettuare periodicamente su un impianto termico sono di due tipi:
· la manutenzione ordinaria (o pulizia periodica);
· il controllo di efficienza energetica (o prova dei fumi) che verifica il valore di rendimento della caldaia.
Entrambe, obbligatorie per legge, devono essere eseguite da un manutentore abilitato.
Il manutentore, completate le operazioni di controllo dell’efficienza energetica (prova dei fumi) e redige e firma il rapporto di controllo tecnico (Allegato 10 per <35kW e Allegato 11 per ≥35kW Del. Assemblea RER n. 156 del 04/03/08 e s.m.i.) che sarà poi firmato dal responsabile dell’impianto per presa visione.
Perché il rapporto di controllo tecnico diventi una Dichiarazione di avvenuto controllo dell’efficienza energetica è necessario che il manutentore applichi il Bollino Calore Pulito. Il manutentore che effettua operazioni di controllo dell’efficienza energetica e redige il rapporto di controllo tecnico di cittadini residenti nei Comuni del territorio Ferrarese (ad esclusione del Comune di Ferrara) è obbligato a inviare alla Provincia di Ferrara i rapporti di controllo tecnico, sollevando cosi il cittadino da qualsiasi ulteriore adempimento. Quindi se la manutenzione e il controllo della efficienza energetica avvengono nei comuni di Argenta, Berra, Bondeno, Cento, Codigoro, Comacchio, Copparo, Formignana, Goro, Jolanda di Savoia, Lagosanto, Masi Torello, Massa Fiscaglia, Mesola, Migliarino, Migliaro, Mirabello, Ostellato, Poggio Renatico, Portomaggiore, Ro Ferrarese, Sant'Agostino, Tresigallo, Vigarano Mainarda, Voghiera dovranno essere consegnati/ recapitati all’U.O.S. Energia della Provincia di Ferrara.
Ricordiamo che qualora il manutentore effettui i controlli di efficienza energetica presso abitazioni nel Comune di Ferrara i rapporti di controllo tecnico dovranno essere inviati/consegnati all’Ufficio Energia del Comune di Ferrara.
I manutentori che eseguono manutenzioni e controlli della efficienza energetica in più Comuni della Provincia di Ferrara dovranno consegnare/recapitare alla Provincia di Ferrara gli allegati tecnici divisi per Comune (es. tutti gli allegati di Argenta in un unico plico, tutti gli allegati di Porto maggiore in un altro plico). Qualora non si segua questa accortezza verrà chiesto al manutentore di effettuare l’opera di ordinamento degli allegati all’atto della consegna.
Gli allegati tecnici relativi a caldaie di tipo B e tipo C dovranno essere corredati dello “scontrino” di analisi di combustione rilasciato dall’analizzatore fumi e dovrà essere pinzato sul retro dell’allegato tecnico stesso. Lo “scontrino” rilasciato dall’analizzatore fumi dovrà riportare, così come prevede la normativa, tre misurazioni della analisi di combustione e la media delle stesse. Ricordiamo che (Norma UNI 10389-1/2009): “La misurazione di ogni singolo parametro deve essere effettuata almeno tre volte, ad intervalli di tempo uguali nel periodo di prova ritenuto necessario dall’operatore, e ogni volta almeno 120 secondi dopo l’inizio del campionamento. La durata della prova e il numero di misurazioni effettuate per ogni parametro possono essere aumentati e giudizio dell’operatore qualora riscontri misurazioni anomale o valori non significativi.”
Apparecchiatura: Gli analizzatori fumi “devono essere gestiti, verificati e tarati periodicamente, in conformità alle istruzioni che devono essere fornite dal costruttore, in modo da garantire la riferibilità della misura ai campioni nazionali del Sistema Nazionale Taratura(STN). In assenza di tali istruzioni, lostrumento deve essere verificato e tarato almeno una volta ogni 12 mesi” (Norma UNI 10389-1/2009).

Passare con il mouse sulle icone per visualizzare i dettagli

Legenda:

Documento pubblicato il 01/01/2015 - Ultimo aggiornamento: 02/02/2016
a cura di:
UOS Energia
Castello Estense - centralino: +39.0532.299111
Partita IVA: 00334500386