Provincia di Ferrara

Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:


Schede descrittive dei procedimenti

Acqua
Schede Procedimenti
Il D.lgs n.152/2006 all' art. 74 e successive modifiche e integrazioni, ha definito:
"acque reflue domestiche" le acque reflue provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi e derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attività domestiche.

Per l'applicazione del criterio di assimilazione alle acque domestiche, deve essere fatta specifica richiesta.
La norma stabilisce che possiedono caratteristiche qualitative equivalenti alle domestiche le acque industriali con portata inferiore a 15 mc/gg, per le attività che rispettano i parametri della tabella 3 allegato A del Regolamento del Servizio Idrico Integrato, di seguito riportato nella banca dati normativa.

Si precisa che la definizione "acque reflue domestiche" non deve trarre in inganno l'impresa in quanto essa si riferisce a scarichi derivanti in modo prevalente dal metabolismo umano.

La normativa definisce inoltre:
"acque reflue industriali" qualsiasi tipo di acque reflue derivanti da processi di lavorazione del ciclo produttivo che abbiano parametri superiori alle acque reflue domestiche e/o assimilate alle domestiche.

"acque reflue di dilavamento" le acque meteoriche di dilavamento derivanti da superfici scolanti nelle quale il dilavamento permane per la durata dell'evento meteorico. Esse si qualificano a tutti gli effetti come “acque di scarico.

In base a queste definizioni, lo SUAP provvede all'attivazione del procedimento per il rilascio dell'Autorizzazione e alla raccolta delle comunicazioni necessarie in caso di modifiche.  Di seguito le tipologie di scarico di reflui di cui si occupa lo SUAP.
Documento pubblicato il 24/01/2011 - Ultimo aggiornamento: 25/03/2011
a cura di:
Nicoletta Cardi
Castello Estense - centralino: +39.0532.299111
Partita IVA: 00334500386