Provincia di Ferrara

Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:


Autorizzazione Integrata Ambientale
L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) é il provvedimento che autorizza l'esercizio di un impianto, o di parte di esso, che deve garantire la conformità ai requisiti del Decreto Legislativo 152 del 3 aprile 2006, emanato in applicazione della direttiva 2008/01/CE IPPC (Integrated Pollution Prevention and Control).

Le finalità dell’AIA, ai sensi dell’art.4, comma 4 lettera C, del D.Lgs. 152/2006, sono la prevenzione e la riduzione, sulla base di un approccio integrato, dell’inquinamento proveniente dalle attività per l’esercizio delle quali è richiesta l’AIA (vedi elenco in allegato VIII al D.Lgs 152/2006).

Tale autorizzazione sostituisce ad ogni effetto ogni altro visto, nulla osta, parere o autorizzazione in materia di emissioni nell’aria, nell’acqua, nel suolo e di rifiuti previsti dalle disposizioni di legge e dalle relative norme di attuazione, fatte salve le disposizioni di cui al D.Lgs. 334/1999 (normativa rischio di incidenti rilevanti) e le autorizzazioni ambientali previste dalla normativa di recepimento della direttiva 2003/87/Ce (scambio quote di emissioni di gas a effetto serra).

Le AIA sono basate sul concetto delle migliori tecniche disponibili (BAT-Best Available Techniques), tenendo conto delle condizioni locali, ambientali e territoriali in cui l’impianto opera, e devono contenere una serie di misure atte ad evitare, dove possibile, o ridurre le loro emissioni in tutte le matrici ambientali, aria, acqua e suolo, comprese le misure relative alla gestione dei rifiuti, con lo scopo di conseguire un livello elevato di protezione dell’ambiente nel suo complesso.

La Regione Emilia Romagna ha emanato la Legge Regionale 21/2004, con la quale ha attribuito il ruolo di “autorità competente” alle Province, mentre si è riservata un ruolo di indirizzo con la emanazione di direttive applicative che tengono conto del quadro normativo nazionale.

La Provincia di Ferrara è quindi competente al rilascio, al riesame, al rinnovo e alla modifica dell'AIA.

Le spese per effettuare l’attività istruttoria, i rilievi, gli accertamenti, i sopralluoghi ed i controlli relativi alle procedure di AIA sono a carico del richiedente; sono calcolate sulla base dei criteri indicati dal Decreto interministeriale 24 aprile 2008 e recepiti e, in parte, modificati da delibere della Regione Emilia-Romagna. Il pagamento di tariffe istruttorie per le istanze di rilascio AIA, modifica non sostanziale AIA, modifica sostanziale AIA e rinnovo AIA può avvenire tramite: - Bollettino Postale intestato alla Provincia di Ferrara - Settore Ambiente e Agricoltura, sul C/C postale n. 11907441 e con causale “Spese istruttorie AIA - Capitolo 351372 - Azione 1419”; - Bonifico Bancario intestato alla Provincia di Ferrara - Settore Ambiente e Agricoltura, sul C/C bancario IT - 67 - Z - 06155 - 13015 - 000003204155 presso la Cassa di Risparmio di Ferrara e con causale “Spese istruttorie AIA - Capitolo 351372 - Azione 1419”.

Per la procedura di AIA è previsto un periodo di 30 gg naturali e consecutivi per la libera consultazione da parte del pubblico e la presentazione delle osservazioni.
La modulistica per la presentazione delle osservazioni è disponibile cliccando qui.

Prima dell'inizio dell'attività, i Gestori dovranno trasmettere comunicazione, ai sensi dell'art 29-decies, comma 1, del D.Lgs. 152/2006, utilizzando il modulo apposito disponibile cliccando qui.
Castello Estense - centralino: +39.0532.299111
Partita IVA: 00334500386