Tour del presidente della Provincia nei Comuni colpiti dal sisma del 2012

Padovani con il sindaco Daniele Garuti

 

“A dieci anni di distanza e d’accordo con i sindaci, che ringrazio per la disponibilità e collaborazione, ho visitato i Comuni colpiti dal tremendo terremoto del maggio 2012”.

Con queste parole il presidente della Provincia, Gianni Michele Padovani, spiega le ragioni del tour compiuto nella mattinata di venerdì 27 maggio, per toccare con mano la situazione in ciascuno dei territori del cratere: cosa è stato fatto e cosa resta da fare.

Ha iniziato con Poggio Renatico, dove ad attenderlo c’era il sindaco Daniele Garuti. A seguire visita a Vigarano Mainarda dove Padovani ha incontrato il sindaco Davide Bergamini. La tappa successiva è stata Bondeno, con l’appuntamento con il primo cittadino Simone Saletti.

È poi stata la volta di Roberto Lodi, sindaco di Terre del Reno, per concludere a Cento dove il sindaco Edoardo Accorsi lo ha atteso in municipio.

A titolo di bilancio a dieci anni dalle scosse del 20 e del 29 maggio, ammontano a quasi 21,8 i milioni assegnati a Poggio Renatico con una percentuale di liquidazioni eseguite che raggiunge quota 95,3%, pari a circa 20.780.000 euro. Qui le istanze depositate sono state 93 delle quali 79 concluse. A completare il quadro, undici cantieri per il recupero di opere pubbliche.

Quasi 54 milioni sono invece le risorse assegnate a Vigarano Mainarda e 193 gli interventi, di cui 5 di ricostruzione pubblica, 148 le abitazioni, 35 attività produttive e 5 gli altri interventi.

Nel territorio di Terre del Reno (ex Comuni di Mirabello e Sant’Agostino) i contributi assegnati sono stati circa 135 milioni, con una percentuale del 100% per quanto riguarda progettazioni definitive ed esecutive ultimate per tutti i lavori previsti nel programma di ricostruzione. Le istanze mude sono state 442, ammesse 429, in istruttoria zero, con 28 cantieri in corso. A poco oltre 23 milioni ammontano le risorse per le opere pubbliche e, infine, 14 sono gli interventi (già conclusi) finanziati con altri fondi regionali, pari a circa 5 milioni.

In Comune di Bondeno sono state 624 le pratiche mude depositate di cui l’81% sono concluse, mentre sono oltre 122 i milioni assegnati dei quali oltre il 90% già erogati (più di 110 milioni), con otto cantieri di ricostruzione di opere pubbliche terminati e altrettanti in corso di realizzazione. Nel Comune matildeo si contano 30 famiglie che devono ancora rientrare nella propria residenza, attualmente in autonoma sistemazione, rispetto a un totale di sfollati subito dopo il sisma di 1.400 unità.

Le istanze presentate a Cento sono state 422, delle quali 421 accettate, una ancora in corso e 43 rigettate. Nel Comune del Guercino i contributi assegnati sono stati quasi 89 milioni, con 332 cantieri conclusi per un totale di circa 74 milioni spesi.

“Ringrazio infine il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri – conclude il presidente Padovani – con il quale abbiamo condiviso i dati complessivi della ricostruzione e il buon lavoro svolto in questi dieci anni”.

Allegato: 

IMG_7962.JPG (1.17 MB - jpeg)
IMG_7964.JPG (822.1 KB - jpeg)
IMG_7967.JPG (1.04 MB - jpeg)
IMG_7969.JPG (882.54 KB - jpeg)
IMG_7961.JPG (1.07 MB - jpeg)