Presentato il bilancio 2019 della Polizia provinciale

 

“Poniamo sempre legalità e rispetto per l’ambiente in cima al nostro agire”.

Con queste parole il comandante Claudio Castagnoli ha presentato i dati 2019 dell’attività svolta dalla Polizia provinciale.

Attività che spazia dalle competenze storiche, come caccia e pesca, al presidio sulle strade, al crescente impegno in campo ambientale. Tutte azioni rafforzate con l’impiego di strumenti tecnologici, come il drone, il Targa System e la Bodycam, e amplificate con l’attivazione di Tv Verde disponibile su youtube.

Nello specifico, il drone, munito di infrarossi per funzionare anche di notte, viene impiegato per operazioni di controllo e presidio del territorio anche in chiave antibracconaggio.

Il Targa System, invece, nell’ambito delle azioni legate al rispetto del Codice della strada si sta rivelando un utilissimo strumento per controllare se i veicoli siano, come vuole la legge, assicurati e in regola con la revisione.

La Bodycam, infine, è un ulteriore strumento per tutelare la sicurezza degli agenti e per avere puntuale riscontro circa l’effettivo svolgimento delle attività di controllo in caso di contestazioni.

Il successo registrato dall’impiego delle nuove strumentazioni in dotazione l’ha spiegato, numeri alla mano, la commissario superiore Laura Trentini.

In tutto il 2018, per esempio, sono state elevate 21 sanzioni a veicoli non in regola con il pagamento della polizza assicurativa, mentre con l’utilizzo del Targa System nel solo mese di gennaio 2020 sono già 16 le violazioni accertate.

Dati analoghi sono riscontrati per quanto riguarda il mancato rispetto della revisione del veicolo. Nel 2019 sono state 116 le infrazioni, mentre sono 72 nel solo mese di gennaio di quest’anno.

Comandante Castagnoli e commissario Trentini hanno poi spiegato, per fugare ogni contestazione, che l’impiego del Targa System non necessita di segnalazione preventiva e consente, tramite lettura automatica del numero di targa, una verifica immediata sulla regolarità del veicolo e, quindi, una contestazione sul posto delle eventuali irregolarità.

Fra i dati più significativi della complessiva attività svolta dagli uomini in divisa della Provincia, spicca il numero di 26.670 che corrisponde al totale delle sanzioni amministrative, che equivalgono a un importo di 2.807.186 euro.

Oltre 26mila sono, nello specifico, i verbali redatti nell’ambito dell’attività di controllo stradale, di cui il 66 per cento pagati (17.308) e il 34 per cento non riscossi (9.022).

L’incontro di presentazione del bilancio 2019 è stato introdotto dalla presidente della Provincia, Barbara Paron, che ha ringraziato la Polizia provinciale per la costante attività svolta tesa al rispetto delle leggi e alla tutela dell’ambiente.

Presenti alla presentazione alla stampa di numeri e percentuali anche l’assistente scelto Davide Latta, l’assistente Marco Ravaglia e l’agente Massimo Franceschi, abilitato, tra l’altro abilitato all’utilizzo del drone.

 

IN ALLEGATO TUTTI I NUMERI IN DETTAGLIO

Allegato: 

002.JPG (1.44 MB - jpeg)
004.JPG (1.05 MB - jpeg)
007.JPG (941.29 KB - jpeg)