Piano neve della Provincia pronto a entrare in azione in caso di necessità

La Provincia ci ha messo 178mila euro, tutte risorse del proprio bilancio 2018.

È il costo del Piano neve dell’amministrazione che ha sede in Castello Estense, pronto ai blocchi di partenza in caso dovesse nevicare sugli oltre 850 chilometri di strade provinciali.

Parte del finanziamento, oltre 48mila euro, è servita per acquistare 560 tonnellate di sale, che si vanno ad aggiungere alle rimanenze dell’inverno scorso, stimabili in circa 350 tonnellate. Il sale è stoccato nei quattro magazzini degli altrettanti centri operativi che la Provincia ha dislocato nei territori di Copparo, Codigoro, Portomaggiore e Vigarano Mainarda, per rendere più rapidi gli interventi in caso di necessità.

Il resto dei 178mila euro serve per coprire i costi per l’impiego di 30 mezzi, tra autocarri e trattori, muniti di spargisale e lame spartineve, più sei pale meccaniche per il caricamento del sale, complessivamente in dotazione tra Alto e Basso Ferrarese. Tutti automezzi forniti da terzisti, i cui costi andranno a sommarsi a quelli variabili risultanti dal numero delle ore, al momento solo stimabili, in cui dovranno effettivamente entrare in azione.

“In caso di peggioramento delle condizioni meteo – dice la presidente della Provincia Barbara Paron – siamo perciò pronti a intervenire per mettere in sicurezza la nostra rete viaria, comprese, come da accordi con l’azienda Sant’Anna, tutte le vie d’accesso al polo ospedaliero di Cona”.

Un Piano neve provinciale, poi, che è in stretto coordinamento con quello del Comune di Ferrara.