Il sindaco di Poggio Renatico lancia l’allarme sicurezza degli argini del fiume Reno

 

Il sindaco di Poggio Renatico, Daniele Garuti, lancia l’allarme sulla grave situazione prodotta dagli animali fossori che scavano tane e gallerie sull’argine del fiume Reno.

Un problema che il sindaco poggese ha già sollevato al tavolo regionale con i Comuni ferraresi e bolognesi rivieraschi del fiume Reno.

“In caso di piena del fiume Reno – dice il primo cittadino – se franassero gli argini pensili alti oltre dieci metri, resi una gruviera, sarebbe una vera e propria minaccia per il territorio poggese, le frazioni di Ferrara e la base Nato”. 

Infatti, il pericolo è che possa cedere un argine nel tratto dove si riscontrano buche molto profonde nella parte sommitale dell’argine, prodotte da istrici e tassi, con spostamenti di notevoli quantità di terreno.

La soluzione sarebbe delocalizzare e spostare gli animali in luoghi dove non fanno danni e a questa già di per sé grave situazione, si aggiungono le tane di volpi e nutrie, che stanno ponendo sempre più a rischio gli argini di tutta la provincia.

“Dobbiamo cercare di porre rimedio a questa situazione – afferma Daniele Garuti -  e siamo vicini all’allarme che continua a lanciare la Polizia provinciale sul problema, per avere i nuovi strumenti sia per contrastare le nutrie, sia per spostare questi animali fossori”.

Basti pensare che in un tratto di 300 metri sono state rinvenute una ventina di tane, con escavazione di metri cubi di terra, con tutti i rischi di sicurezza idraulica per il territorio ferrarese.

“Non è più tempo di aspettare – prosegue il sindaco di Poggio Renatico – ma di prendere delle decisioni insieme e chiedere alla Regione che si occupi di questo problema, per non trovarci nella situazione – come già successo per il canale Navigabile - di contare i danni”.

“A tutti piacciono gli istrici – precisa il sindaco - ma se continuiamo a lasciare che creino danni agli argini, le conseguenze potrebbero essere serie per tutti”.

“Questo è quello che penso come sindaco di Poggio Renatico – conclude – e credo sia un pensiero di tanti altri sindaci del territorio, e a questo proposito ringrazio l’assessore Paola Zanella, il capogruppo consiliare Francesco Cavallo, i coadiutori e la Polizia provinciale, per la collaborazione in questa importante segnalazione a favore della tutela della sicurezza di tutti”.

Allegato: