Il programma di messa in sicurezza strade della Provincia per il 2020

 

Nel 2020 la Provincia spende poco oltre 2,7 milioni di euro per rifare l’asfalto su quasi 58 chilometri di strade provinciali (Sp).

Di questi, 48,9 sono i chilometri di lavori già terminati, mentre ne restano circa 8,8 per completare il programma di messa in sicurezza per l’anno in corso.

Sono 25 le Sp interessate dai cantieri su un totale di circa 850 chilometri di estensione complessiva della rete viaria di competenza provinciale, da Cento fino alla costa.

“La decisione di intervenire solo su una parte delle 76 strade provinciali di competenza – precisa il vicepresidente della Provincia Nicola Minarelli – dipende innanzitutto dalla quantità limitata di risorse a disposizione, nonostante gli incrementi recenti da parte dello Stato e la loro stabilizzazione anche nel prossimo futuro che ci consente di programmare i lavori su più anni, e da alcuni criteri di priorità d’intervento, stabiliti in base al grado di pericolosità e approvati dal Consiglio provinciale”.

Fra i nuovi manti stradali già realizzati, si segnalano: i 9 chilometri lungo la Sp 1 via Comacchio, realizzati in sette cantieri compresi fra il tratto ferrarese e quelli che attraversano i centri abitati nel Basso Ferrarese; i quasi 11 chilometri realizzati lungo la Sp 2 via Copparo, in nove tratti viari tra Ferrara e Copparo; i quasi 5 chilometri di nuovo asfalto sulla Sp 5 Dazio Di Guarda nel Copparese; i quasi 4,7 chilometri messi in sicurezza lungo la Sp 62 tra Pontemaodino e Massenzatica; i circa 2 chilometri lungo la Sp 9 fra Bondeno e Casumaro;  altrettanti sulla Sp 20 tra Ferrara e Formignana; e i poco oltre 2,6 chilometri sulla Sp 15 via del Mare.

Rimangono invece da ultimare 1,7 chilometri dei 4,2 programmati sulla Sp 69 Virgiliana nel Bondenese e la metà dei 2,8 chilometri della Sp 79 Mondonuovo tra Portomaggiore e Ostellato.

Chiusi i cantieri dei nuovi asfalti, tempo una ventina di giorni, salvo imprevisti, viene rifatta anche la nuova segnaletica orizzontale, il cui costo è compreso nell’investimento complessivo dei 2,7 milioni messo a bilancio per il 2020.