Il Consiglio provinciale approva il Consuntivo 2029 e la seconda variazione al bilancio 2020

 

Con le astensioni di Rita Canella, Michele Sartini e Gino Soncini (lista Terre Estensi), il Consiglio provinciale approva il Consuntivo 2019 e la seconda variazione al bilancio di previsione 2020.

“Approvare il Consuntivo entro aprile, senza ricorrere alla deroga concessa dal governo al 30 giugno – ha detto il videpresidente con delega al Bilancio, Nicola Minarelli – è una scelta saggia e appropriata, per rendere spendibili da subito, in questa difficile fase di emergenza, tutte le risorse a disposizione della Provincia”.

Una gestione, quella del 2019, che si è conclusa con il rispetto di tutti i vincoli di finanza pubblica (pareggio bilancio, limiti spesa di personale e altri limiti di spesa delle Province) e conseguendo un risultato di amministrazione di 24,4 milioni di euro che, al netto degli accantonamenti e dei fondi vincolati previsti per legge, si sostanzia in 6 milioni di euro di avanzo destinato alla realizzazione di investimenti.

A oltre a 1,4 milioni ammonta l’avanzo libero, che, come ha spiegato Minarelli, “abbiamo deciso di accantonare per prudenza, in previsione del calo delle entrate che sarà causato dalla crisi innescata dall’emergenza pandemica in corso”. Una misura prudenziale, in attesa di quanto deciderà Palazzo Chigi nell’annunciato prossimo decreto legge, specie per quanto riguarda le misure a sostegno delle finanze degli enti locali.

Per quanto riguarda le entrate, il 2019 ha registrato un andamento in linea con l’anno precedente, grazie al contributo stanziato dalla Legge di bilancio 2019 - 4,9 milioni - che ha arrestato il pesante trend in calo delle risorse (da trasferimenti e da entrate extratributarie) che ha caratterizzato il periodo 2015-2018, in conseguenza della riforma delle Province del 2014 (meno 19%). Questo ha consentito alla Provincia estense di garantire i vincoli e gli equilibri di bilancio, senza ricorrere a entrate straordinarie.

Per quanto riguarda le spese correnti, di cui oltre 13 milioni sono trasferimenti allo Stato come quota di partecipazione alla finanza pubblica, si segnala una riduzione di circa 2,2 milioni rispetto al 2018, nonostante il rilevante aumento del costo per interessi passivi, a causa del riavvio del pagamento delle rate dopo la cessazione delle misure a favore degli enti colpiti dal sisma del maggio 2012.

Sul lato investimenti, fra gestiti e avviati, si sono messi in moto quasi 13 milioni di euro, la maggior parte dei quali per interventi sugli edifici scolastici (2,9 milioni) e sulla rete stradale provinciale (7,7 milioni).

In continuità con gli esercizi precedenti è stata la riduzione del debito da finanziamenti contratti, che a fine 2019 si attesta a 57,3 milioni, con una riduzione di oltre 15 milioni rispetto al debito del 2015.

Il Consuntivo 2029 ha confermato anche il dato dei tempi di pagamento della Provincia nei confronti di fornitori ed esecutori di lavori, mediamente con 10 giorni di anticipo rispetto alla scadenza.

 

L’approvazione del Consuntivo 2019 ha reso possibile la conseguente variazione al bilancio 2020 (la seconda dell’anno in corso), con l’immediata applicazione di parte delle risorse dell’avanzo di amministrazione dell’anno scorso.

Le principali variazioni approvate hanno riguardato: 275 mila euro per interventi di manutenzione ordinaria delle strade, sfalci delle banchine e interventi sulla segnaletica, riduzione delle rate di ammortamento dei mutui a seguito dell’utilizzo dell’avanzo vincolato a estinzione di mutui con un risparmio di 250 mila euro sul 2020 e di oltre un milione sul triennio 2020-2022. Risorse alle quali si aggiunge l’aumento di stanziamenti di spesa, sia corrente che in conto capitale, completamente finanziati da entrate vincolate derivanti principalmente da contributi dello Stato o della Regione, per un saldo contabile nel 2020 di oltre 1,3 milioni di euro, di cui oltre 744 mila euro in più per interventi sulla viabilità e 320 mila per interventi di edilizia scolastica.

Inoltre sono stati applicati più di 1,5 milioni di avanzo 2019 per investimenti e in particolare 374 mila euro per manutenzioni straordinaria delle strade e un milione per interventi di valorizzazione dell’edilizia scolastica.

Ultimo dato sottolineato dalla ricognizione sui conti, è stato il volume di pagamenti effettuati dall’amministrazione provinciale dall’11 marzo, con un flusso finanziario a favore del tessuto imprenditoriale misurato in 2,2 milioni e con tempi di pagamento mediamente di 15 giorni in anticipo rispetto alla scadenza delle fatture.