Provincia di Ferrara

Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:


SCHEMA DI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE DI RICOVERO CANI E GATTI
In applicazione della Legge Regionale n. 27/2000, “Nuove norme per il controllo della popolazione canina e felina”, ai sensi dell’art. 16 – 3° comma – lettera C, si ritiene utile proporre ai Comuni del territorio ferrarese il presente Schema di Regolamento per il funzionamento delle strutture di ricovero animali. Una sorta di linee-guida per la definizione di modalità e criteri di minima sul funzionamento delle strutture di ricovero che assicurano il benessere degli animali ivi ospitati, con particolare riguardo alle procedure di affido od adozione da parte di eventuali richiedenti, alle tariffe, alle contribuzioni, alla gestione amministrativa delle strutture, alla garanzia dell’assistenza veterinaria.
il Comitato Provinciale di cui all’art. 3 della L.R. 27/2000  si è riunito più volte  in questi ultimi mesi per predisporre un documento illustrante gli indicatori di qualità ed efficienza che contraddistinguono una corretta gestione, ordinaria e non, delle strutture di ricovero animali; si tratta di indicatori di minima, al di sotto dei quali non si può certamente  parlare di rispetto della salute e del benessere animale.Oltre a questo documento,  che mira sostanzialmente ad assicurare il benessere degli animali ospitati, incentivare le adozioni, ottimizzare l’interazione tra istituzioni, associazioni di volontariato e contesto sociale in cui la struttura è inserita, i componenti del Comitato hanno elaborato uno schema di regolamento per  il buon funzionamento dei canili.Si tratta di linee guida a cui ispirarsi per la regolamentazione del funzionamento e della gestione delle strutture di ricovero animali, corredate da un’ampia modulistica allegata utile allo svolgimento delle numerose attività ed interventi  che ivi vengono svolte/esercitati.Il Comitato Provinciale di cui alla L.R. 27/2000 auspica che il lavoro svolto possa  rappresentare  un utile strumento di consultazione e di lavoro  per i Comuni interessati per   l’adempimento delle attività che a loro competono.

Passare con il mouse sulle icone per visualizzare i dettagli

Legenda:

Documento pubblicato il 05/07/2010 - Ultimo aggiornamento: 08/03/2011
Castello Estense - centralino: +39.0532.299111
Partita IVA: 00334500386