Provincia di Ferrara

Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:


NOTIZIE

sei in: Home Page > Altre news >
Regione: spiaggia più accessibile a Lido Spina
Ambiente e Turismo. Via la sabbia dal fondale del porto di Cattolica e spiaggia più accessibile a Lido di Spina. A Ecomondo presentati due progetti di sviluppo costiero sostenibile nel riminese e nel ferrarese
Un intervento di riqualificazione nel porto canale di Cattolica e la realizzazione di un tratto di spiaggia totalmente accessibile al Lido di Spina per lo sviluppo di un turismo costiero sostenibile, realizzati nell'ambito del progetto europeo Co-Evolve. Gazzolo: "Un progetto per la una gestione integrata del litorale, capace di unire la sicurezza della costa al suo sviluppo sostenibile: è questa la chiave per la vera crescita blu". La Regione Emilia-Romagna fino al 10 novembre alla fiera di Rimini con uno spazio espositivo e un ricco programma di iniziative

Bologna -  L’installazione di un eiettore - dispositivo per eliminare la sabbia in una parte del porto canale - a  Cattolica (Rn) e la realizzazione di un tratto di spiaggia altamente accessibile, attrezzato anche per persone portatrici di handicap e a ridotta mobilità, al Lido di Spina nord (a Comacchio nel ferrarese): nel 2018 partiranno in Emilia-Romagna due interventi pilota per lo sviluppo del turismo costiero sostenibile, finanziati dal progetto europeo Co-Evolve, a cui la Regione partecipa con 11 partner di cinque paesi europei, in una rete che comprende il Parco del Delta del Po della Regione Veneto, istituti pubblici, centri di ricerca e università.
L’annuncio è stato dato oggi nel corso dell’iniziativa “Co-Evovle InfoDay. Sostenibilità del turismo costiero-marittimo e crescita blu nel Mediterraneo”, in occasione dell’apertura della XXI edizione di Ecomondo -  il salone della green e circular economy a Rimini fino al 10 novembre - che vede la Regione Emilia-Romagna protagonista con uno spazio espositivo (Hall Sud 007) e numerose iniziative.
“L’obiettivo è una gestione integrata del litorale, capace di unire la sicurezza della costa al suo sviluppo sostenibile- spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo, che ha partecipato all’iniziativa insieme all’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini-. “Vogliamo una costa attrattiva per gli investitori e i visitatori e quindi in grado di sostenere una crescita economica duratura. Una costa resiliente, cioè capace di adattarsi alle conseguenze del cambiamento climatico e di fare della sostenibilità la chiave della crescita blu”.
Il progetto può contare su 3 milioni di euro fino al 2019: 2,55 milioni messi a disposizione dall’Unione europea e 450 mila euro dal ministero dell’Ambiente. 
Ad oggi è già in corso la prima fase, cioè l'analisi dei fattori che minacciano o favoriscono lo sviluppo di un turismo costiero sostenibile, che si concluderà entro il prossimo gennaio. Verranno così definiti degli “indicatori di sostenibilità” che guardano a diversi aspetti del territorio: dalla lotta all’erosione costiera alla qualità delle acque, dalla mobilità e accessibilità alla qualità dell’offerta fino agli strumenti di governance del litorale.
In seguito saranno elaborati i Piani d’azione locale per realizzare le iniziative nelle sette aree pilota (tra cui Comacchio e Cattolica) di Spagna, Francia, Croazia, Grecia e Italia.  
A marzo 2018, infine, prenderanno il via percorsi di partecipazione aperti alle comunità locali per raccogliere la voce di chi vive il territorio: a Cattolica l’obiettivo è individuare un nuovo modello di gestione del porto che tenga insieme le esigenze di pescatori, nautica da diporto e cantieristica navale mentre, a Comacchio, si raccoglieranno le proposte dei cittadini per mettere in campo attività turistiche e ricreative ‘non tradizionali’ e accessibili.

Dalle città ai trasporti, all’alimentare sostenibili: la Regione a Ecomondo 
Il futuro delle città, la mobilità e i trasporti sostenibili sono tra i temi di grande interesse di cui si discuterà al salone riminese. 
Della costituzione di una Rete delle “Greener Cities” in Italia si è parlato oggi nel corso degli “Stati generali della Green Economy”, a cui ha partecipato l’assessore all’ambiente, Paola Gazzolo. Nel corso dell’iniziativa è stata presentata la Relazione sullo stato della green economy con un capitolo dedicato alle città illustrato da Edo Ronchi. 
Il presidente della Conferenza delle Regioni e Province autonome e governatore della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, interverrà, mercoledì 8 novembre, al convegno sulle città sostenibili dove illustrerà il nuovo Piano regionale dedicato alle politiche ‘verdi’ di mobilità (Pad.  B7, ore 14-18).   
In tema di alimentazione sostenibile, l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, parteciperà giovedì 9 novembre, a una tavola rotonda all’interno del convegno “Agrifood 2030 – L’importanza della filiera” I relatori discuteranno le sfide del nuovo quadro politico europeo di ricerca e sviluppo “Food 2030” che ha l’obiettivo di promuovere la ricerca e l'innovazione per garantire la sicurezza dei sistemi alimentari (Sala Ravezzi 1 Hall Sud, ore 9.30-18).  
L’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi, presenzierà invece, sempre nella giornata di giovedì 9 novembre, a un convegno, organizzato da Legacoop, sulle buone pratiche cooperative per un alimentare sostenibile, dove verranno presentati casi di successo di alcune aziende che utilizzano in tutto il ciclo produttivo alimentare tecniche rispettose dell’ambiente quali il recupero delle acque di irrigazione, l’utilizzo di imballaggi poco impattanti, di concimi organico-minerali, del biogas (Pad. D3 stand 27, ore 10.30)./Eli.Col.
In allegato una foto del convegno 



Tutte le notizie su www.regione.emilia-romagna.it, i comunicati nella sezione 'Agenzia di informazione e comunicazione'.
Seguici su Twitter (@RegioneER), Facebook (@RegioneEmiliaRomagna) e Telegram (@ERnotizie, @ERcomunicati, @PresidenteER)
Segreteria di redazione tel. 051 5275490
Documento pubblicato il 08/11/2017 - Ultimo aggiornamento: 08/11/2017
Castello Estense - centralino: +39.0532.299111
Partita IVA: 00334500386